A casa

Consigli su cosa fare quando siete a casa

Per ridurre il rischio di infezione da coronavirus, raccomandiamo a tutti i pazienti di restare a casa nei giorni in cui non devono fare la dialisi. Durante il periodo di isolamento a casa, è importante mantenere occupato il corpo e la mente.

Continuate la vostra routine abituale, ma evitate le attività fuori dalla vostra abitazione. Al loro posto, trovate attività costruttive da fare a casa, nel vostro appartamento, giardino o balcone, che possano mantenervi occupati e farvi sentire soddisfatti. Ci sono sicuramente tantissime cose da fare, come mettere in ordine lo scantinato, finire degli album di fotografia, fare giardinaggio o lavori manuali. Questo è il momento perfetto per iniziare un nuovo hobby. Per rilassarvi potete anche leggere libri interessanti o fare cruciverba.

È inoltre opportuno usare bene i social network per mantenervi in contatto con i vostri amici e la famiglia. Mobilitate la vostra comunità sociale, offrendovi a vicenda compagnia e supporto a distanza, facendo regolarmente chiamate telefoniche per scambiarvi esperienze e stati d’animo. Fate il più spesso possibile delle belle chiacchierate per compensare l’assenza del contatto diretto.

Esercizi fisici a casa

Tenetevi in forma anche durante le restrizioni e l’isolamento domestico dovuti al coronavirus. Vi raccomandiamo di includere ogni giorno nella routine un allenamento a casa di 20 minuti.

Semplici esercizi e ginnastica hanno un effetto positivo sulle vostre condizioni generali, come stimolare la digestione e il sonno, abbassare i livelli di colesterolo e ridurre il rischio di infarto.

Esercizi di moderata intensità possono rafforzare il sistema immunitario. Al contrario, esercizi di forte intensità possono sopprimere la funzione immunitaria, soprattutto se vi allenate regolarmente. Non esistono evidenze scientifiche in merito all’effetto di esercizi fisici sulla risposta immunitaria all’infezione da coronavirus. Vi preghiamo di consultare il vostro medico prima di iniziare l’attività fisica, al fine di definire cos’è più idoneo per voi.

Ecco alcune idee per l’attività fisica:

  • Camminare nel vostro appartamento, casa o giardino o fare corsa da fermi.
  • Salire e scendere le scale
  • Esercizi di stretching e ginnastica come allungare le gambe, ruotare le braccia e il busto.

Qualora avvertiate dei sintomi (febbre, tosse, difficoltà respiratoria), interrompete l’attività fisica e contattate un operatore sanitario.

Indicazioni nutrizionali e per la spesa

Seguite in modo rigoroso la vostra dieta.

Per via delle misure di prevenzione per il coronavirus adottati nei centri dialisi, il vostro trattamento di routine può subire dei cambiamenti. Pertanto, in questo momento è assolutamente fondamentale che seguiate in modo disciplinato la vostra dieta e che facciate particolare attenzione all’assunzione di liquidi, potassio e fosforo. Di seguito vi diamo alcune raccomandazioni per gestire la vostra alimentazione a casa.

Guida per l’acquisto degli alimenti

Se possibile, evitate di andare di persona a fare la spesa per ridurre il rischio di infezione. Chiedete aiuto ai vostri famigliari o amici oppure scegliete un servizio di consegna. Non trascurate la vostra dieta e seguite le raccomandazioni del vostro medico o dietologo. In ogni caso, ci sono alcuni punti da tenere in considerazione:

  • Pianificate adeguatamente la lista della spesa e scrivetela per non dimenticare niente
  • Assicuratevi di avere una scorta sufficiente per 14 giorni
  • Acquistate alimenti con una data di scadenza lunga o in scatola, ma evitate alimenti processati
  • Fate attenzione ai prodotti a lunga conservazione come fagioli o piselli poiché sono ricchi di fosforo e potassio, consumatene solo in quantità moderata e non per un periodo di tempo prolungato prima del trattamento successivo

Se ricevete la spesa su consegna, evitate il contatto diretto con la persona che ve la porta. Mantenete una corretta distanza, evitate di salutare con un contatto diretto. Dopo aver ricevuto la spesa, togliete gli alimenti dalla confezione e smaltite quest’ultima. È opportuno che vi laviate le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi prima di toccare il vostro cibo


Raccomandazioni per il vostro elenco della spesa

  • Verdure: compratele crude o congelate
  • Carboidrati: riso, pasta, pane (da congelare) non dovrebbero mancare dal vostro elenco per la spesa
  • Carne e pesce: se decidete di acquistare carne e pesce freschi, congelatene una parte e consumate quella fresca entro qualche giorno
  • Frutta: la frutta è deperibile, acquistatela fresca (e acerba), evitate frutta con un’elevata concentrazione di potassio come banane o kiwi, fate una scorta di frutta in scatola (sempre nel suo stesso succo, evitate quella sciroppata)
  • Uova: non dovrebbero mai mancare dalla vostra dispensa, se le conservate in frigo dureranno più a lungo
  • Latticini: Comprate latte a lunga conservazione. Per quanto riguarda i latticini, la scelta migliore è formaggio stagionato

Come trattare il cibo

Non ci sono evidenze scientifiche che il cibo possa essere un veicolo di trasmissione del coronavirus (Autorità europea per la sicurezza alimentare, EFSA). Potete continuare a consumare gli stessi cibi adatti ai reni che consumate solitamente.

  • Nonostante ciò, vi raccomandiamo di adottare rigorose misure igieniche, in particolare quando maneggiate cibo crudo
  • Quando preparate le pietanze, lavate accuratamente il cibo, le mani, le superfici della cucina e gli utensili come coltelli e taglieri con acqua calda e sapone
  • Utilizzate utensili come coltelli e taglieri diversi per gli alimenti crudi e per quelli cotti
  • Cucinare o riscaldare gli alimenti può essere un’ulteriore misura di sicurezza, dal momento che il virus è sensibile al calore
  • Conservate gli alimenti freschi e deperibili nel vostro frigo in modo che si conservino più a lungo
  • Utilizzate in modo appropriato il vostro frigo per conservare più a lungo i vostri alimenti

Consultate anche il materiale online di NephroCare relativo all’alimentazione, contenente informazioni utili e ricette

Gestione delle emozioni

Nella condizione di isolamento domestico è possibile che vi dobbiate confrontare con emozioni contrastanti o negative. Per voi è importante che prestiate attenzione a tutte le emozioni negative come stress, solitudine, frustrazione o ansia.

La salute psicologica è fondamentale per il vostro benessere generale, pertanto gestite in modo adeguato le emozioni:

  • Tenete la mente occupata con attività domestiche anziché pensare troppo
  • Tenete alta la concentrazione e prendetevi cura della vostra salute mentale e fisica
  • Cercate di vedere opportunità laddove altri vedono problemi
  • Restate sempre ottimisti e mantenete un atteggiamento positivo
  • Esprimete e condividete il vostro atteggiamento positivo anche quando parlate con altre persone
  • Tenetevi in contatto con gli amici e la famiglia attraverso il telefono o canali di comunicazione digitali
  • Fate una selezione della quantità e qualità delle informazioni che assorbite
  • Non date ascolto e non fate circolare informazioni che non sono state verificate dalle autorità sanitarie locali

Fate attenzione a non eccedere nell’assunzione di cibo e liquidi a causa di fame nervosa o semplice voglia

Non fatevi sopraffare dalle vostre emozioni e distinguete tra fame reale e fisiologica e fame nervosa. Mangiate solo quando avvertite una sensazione di fame e necessità fisica e smettete di mangiare quando siete sazi. Qualora le emozioni negative dovessero opprimervi o non siate più in grado di gestire le vostre emozioni, rivolgetevi ad un medico.

Se le persone con cui vivi mostrano sintomi compatibili con la malattia

  • Resta a casa e monitora i tuoi sintomi
  • Informa il team clinico e l'autorità sanitaria locale
  • Lavati spesso le mani (> 20 sec.) o disinfettale
  • Le persone con sintomi dovrebbero rimanere il più possibile in stanze separate, indossare una maschera facciale e possibilmente usare un bagno separato
  • Pulisci regolarmente tutte le superfici con detergenti per la casa ed evita di condividere oggetti personali, come piatti, asciugamani o biancheria da letto

Tips for home isolation

  • È opportuno che, se possibile, l’isolamento avvenga in una stanza apposita ben ventilata
  • Ciò serve per ridurre al minimo il contatto tra gli individui e limitare la contaminazione di superfici nell’ambito domestico
  • Se sono disponibili più bagni, uno deve essere predisposto appositamente per il paziente.
  • In caso di bagni condivisi, è necessario adottare rigorose misure igieniche
  • Mantenete una distanza di sicurezza di > 1,5 metri
  • Evitate tutti i contatti con individui vulnerabili (donne incinte, persone con patologie croniche, persone anziane, ecc.).
  • Alcune superfici sono probabili veicoli di contaminazione e devono essere disinfettate regolarmente (smartphone, maniglie delle porte, maniglie delle finestre, ecc.)

Biancheria e lenzuola

  • Se possibile, è opportuno che il paziente esegua tali attività di persona
  • Non scuotete la biancheria e le lenzuola
  • Trasportate la biancheria e le lenzuola direttamente nella lavatrice, senza appoggiarle da altre parti lungo il percorso
  • Lavate le lenzuola appartenenti ad un paziente positivo al coronavirus in lavatrice con un ciclo a 60 gradi per minimo 30 minuti (o alla temperatura massima tollerata dal tessuto)

Istruzioni per la pulizia delle stanze

  • Non utilizzate aspirapolvere che generano aerosol
  • L’ideale è pulire le stanze e le superfici con un panno monouso impregnato di detergente, risciacquare con acqua pulita utilizzando un altro panno monouso e lasciar asciugare
  • Se utilizzate panni multiuso, lavateli in lavatrice con un ciclo a 60 gradi per minimo 30 minuti (o alla temperatura massima tollerata dal tessuto)
  • Dopodiché, disinfettate le stanze e le superfici con una diluizione dello 0,5% di cloro attivo (1 litro di candeggina al 2,6% + 4 l di acqua)