Le impostazioni dei cookie di questo sito sono impostate su "consenti tutti i cookie". Noi utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito. È possibile regolare le impostazioni dei cookie in qualsiasi momento, nelle preferenze del browser. Ulteriori informazioni

Diagnosi e prevenzione

Fattori di rischio, cause ed esiti

La maggior parte delle malattie renali sono asintomatiche, vengono rilevate in fase avanzata del decorso della malattia oppure solo quando la malattia è cronica. La maggior parte delle cause di Insufficienza Renale Cronica sono irreversibili, con un decorso di tutta la vita: il trattamento è volto a rallentare la progressione all’insufficienza renale conclamata.

Tuttavia, cronicità non è sempre sinonimo di irreversibilità. In alcuni casi, MRC è interamente reversibile spontaneamente o con il trattamento, e in altri casi, il trattamento può causare la regressione parziale del danno renale e il miglioramento della funzione (ad esempio terapie immunosoppressive per glomerulonefrite (GN). Dato il lungo corso della maggior parte dei casi di MRC, i pazienti hanno spesso uno o più episodi di danno renale acuto (AKI) sovrapposta alla Malattia Renale Cronica (MRC).1

Ci sono diversi fattori di rischio da considerare che potrebbero diventare una causa di MRC. Il diabete mellito e l'ipertensione sono le principali cause di malattia renale cronica, quindi questi fattori di rischio devono essere attentamente controllati e monitorati, al fine di consentire una diagnosi precoce di qualsiasi segno di danno renale. Altre cause di MRC comprendono malattie infiammatorie come la glomerulonefrite, uropatia ostruttiva (litiasi), infezioni croniche (pielonefriti), e malattie genetiche come la malattia del rene policistico.

I diversi fattori di rischio possono essere classificati in: sensibile, iniziale, progressivo e allo stadio terminale, a seconda della fase in corso di MRC. Tuttavia è il livello di funzione renale, indipendentemente dalla diagnosi, che determina lo stadio della malattia renale cronica.2

Sulla base delle linee guida internazionali ed europee MRC, NephroCare ha stabilito il seguente ordine dei fattori di rischio in termini di rilevanza:

  • Diabete
  • Pressione del sangue alta
  • Malattie cardiache
  • Fumo - Obesità
  • Storia familiare di malattie renali
  • Età1

La diagnosi precoce è essenziale, non solo per fermare la progressione di questa malattia, ma anche le sue complicanze, che sono principalmente di natura cardiovascolare. Infatti, muoiono più pazienti a causa di motivi cardiovascolari durante la progressione della malattia rispetto a coloro che raggiungono la fase in cui è richiesta una terapia sostitutiva renale.

Tuttavia, la Malattia Renale Cronica (MRC) è un fattore di rischio vascolare reversibile, purché vi sia un intervento tempestivo per curare le sue cause principali, vale a dire l'ipertensione e il diabete, finchè il trattamento è ancora possibile.

Se queste condizioni non vengono attuate in tempo, possono portare ad una “Malattia Renale allo stadio terminale” (End Stage Renal Disease o ESRD) e di conseguenza ad una necessità di terapia renale sostitutiva, così come a notevoli complicazioni associate.

Per comunicare la prognosi, devono essere identificati i diversi fattori associati con la progressione della Malattia Renale Cronica:

  1. la causa della Malattia Renale Cronica (MRC);
  2. la categoria GFR, cioè il tasso di filtrazione glomerulare;
  3. la categoria albuminuria;
  4. altri fattori di rischio e condizioni di comorbidità (per esempio età, sesso, razza/ etnia, elevata pressione del sangue, iperglicemia, dislipidemia, fumo, obesità, storia di malattia cardiovascolare, esposizione in corso per agenti nefrotossici, ed altri)1.

Nei soggetti con Malattia Renale Cronica (MRC), è necessario usare il rischio di complicazioni concomitanti e risultati futuri per guidare le decisioni di prova e di trattamento per le complicazioni MRC.1

Nelle popolazioni con Malattia Renale Cronica (MRC), raggruppare le categorie VFG e albuminuria con un rischio simile per MRC in esiti di categorie a rischio.1

Sulla base delle Linee guida internazionali ed europee per la MRC, ci sono diversi esiti, a seconda della particolare situazione del paziente, della scelta del trattamento e delle relative opzioni:

  • Insufficienza renale (Prevenzione della progressione della terapia sostitutiva renale)
  • Dialisi RRT
  • Trapianto RRT
  • Morte1